Il nostro Mondo è in costante evoluzione, e con esso anche tutto quello che riguarda l’ambito della cura e del benessere. Una certezza di cui Korian è pienamente consapevole, aprendosi proprio in questo senso al costante cambiamento, alla ricerca e all’adozione di nuove e performanti tecnologie finalizzate a migliorare tanto l’esperienza dei suoi Ospiti e dei Suoi Pazienti, quanto quella di caregiver e familiari.

Non deve allora sorprendere come all’interno delle aree professionali predisposte nella grande macchina aziendale, ce ne sia una appositamente dedicata allo sviluppo delle tecnologie in ambito socioassistenziale, ma anche allo studio dei dati attraverso numerose attività di reportistica.

Un’esigenza che nasce dalla voglia di Korian di mettersi costantemente in gioco, per migliorarsi e offrire standard qualitativi sempre più elevati: per intercettare così i nuovi bisogni della Persona, e rappresentare per essa un punto di riferimento di assoluto valore.

Ed è proprio dell’importanza dell’ausilio della tecnologia, della gestione automatizzata dei servizi in struttura e dello studio dei dati, che abbiamo voluto parlare in questo nuovo contenuto della rubrica K People. A presentarsi e a rispondere con interesse alle nostre domande oggi c’è Andrea Abruzzo, Application Management Manager del Gruppo Korian.

Quando e come è nata la sua avventura in Korian
“La mia lunga avventura in Korian inizia nel marzo del 2011, dopo un’esperienza decennale nell’ambito dei sistemi informativi come fatturazione e reportistica prima, e del project management dopo. Dopo un anno all’estero sono entrato nel mondo Korian, iniziando un percorso di crescita stimolante, che mi vede coinvolto ancora oggi”.

Di cosa si occupa un “Application Management Manager”?
“Sostanzialmente sono il responsabile di qualsiasi tipologia di applicativo aziendale come quelli legati alla fatturazione, all’ambito sanitario, ma anche ad attività e risorse centrali o collaterali. Il mio ruolo si traduce nella gestione di tutto l’ambito di supporto al Business, con un occhio di riguardo per le analisi di nuove richieste, i rapporti con i fornitori e lo sviluppo e le modifiche di nuove funzionalità e di nuovi applicativi. Inoltre, sono il punto di riferimento per tutto quello che concerne i dati aziendali e la reportistica”.

 Quanto conta la gestione del dettaglio e la definizione di nuovi obiettivi sfidanti?
“Quello della reportistica è un ambito imprescindibile per Korian. Sin dal mio arrivo in azienda il mio obiettivo è stato quello di aumentare il numero di dati da analizzare e il numero di report da proporre per un’ottica di graduale miglioramento. Per questo motivo tutto deve essere costantemente monitorato attraverso gli applicativi: da qui l’esigenza di pensare ad aspetti anche legati alla cura del Paziente o dell’Ospite come la cartella clinica digitalizzata o a facilitatori come prenotazioni online e ritiro referti. Lo strumento informatico è quindi una valida e funzionale tecnologia per offrire supporto ai nostri Pazienti e Ospiti . In linea con la mission aziendale che vuole la Persona al primo posto”.

Possiamo quindi affermare che l’attenzione di Korian nello sviluppo tecnologico sia altissima?
“Assolutamente sì. Di fatto noi siamo stati tra i primi, nell’ambito socio-assistenziale, ad introdurre la cartella clinica digitalizzata sviluppata su un nostro stesso modello, che poi è stato preso come riferimento anche da parte dei competitor. Ogni giorno ci mettiamo in gioco per trovare e mantenere le soluzioni tecnologiche necessarie per diminuire il rischio clinico e favorire una gestione automatizzata dei servizi durante la quotidianità”.

Qual è il sentimento che anima maggiormente la sua quotidianità professionale?
“Il coraggio nelle scelte, che non può essere mai influenzato dalla pressione. Le nostre responsabilità ogni giorno aumentano, è vero, ma siamo costantemente supportati anche dall’ausilio della tecnologia, cresciuta particolarmente negli ultimi anni. Sono sicuramente entusiasta del percorso che ogni giorno percorro, perché i risultati sono toccabili con mano. Ma non possiamo fermarci. Proprio come Korian, che evolve, conservando e seguendo i suoi imprescindibili valori”.

Resta in contatto, iscriviti alla nostra newsletter!